Cinque “case vacanza” ed un affittacamere non autorizzati

Sanzione amministrativa per i sei titolari. Ordinanza comunale

Intensificati da parte delle Fiamme Gialle i controlli alle strutture ricettive che hanno portato alla emissione di sei ordinanze comunali per la chiusura di cinque “case vacanza” e di un “affittacamere”. I Finanzieri della Tenenza di Molfetta hanno contestato ai gestori la mancanza della Segnalazione Certificata di Inizio Attività – S.C.I.A. – che sostituendo le prescritte autorizzazioni consente, in maniera celere, di avviare la propria attività, corredando, successivamente, la pratica a seconda della tipologia di struttura ricettiva, che si intende aprire.

Per i sei diversi titolari delle strutture, una sanzione amministrativa. Le attività ricettive, con formula di Bed & Breakfast ma anche quelle di Case Vacanza e Affittacamere, risultano oramai tra le più gettonate per qualsiasi target turistico e per questo la Guardia di Finanza prosegue nell’attività investigativa su tutto il territorio al fine di individuare le attività “fantasma” che, sfruttando anche i canali telematici per pubblicizzare prezzi e soluzioni convenienti, creano effetti distorsivi del libero mercato.